Poemas a una Mujer: L’autunno, nella metafora del sogno

Ora, che siamo carne e tempo
nella battaglia armonica di due corpi
nella fusione illogica delle nostre anime,
adesso, solo adesso
lontano dal cielo e dal olimpo
arrampicati alle mure degli orologi umidi.
Lontano, molto lontano dal stupore e la innocenza.
Gemendo e sospirando, godendo e resistendo.
Altra volta guardando perché si muoiono i bambini.
Altra volta, lo specchio della fiaba
l’autunno, nella metafora del sogno.

Anuncios

Wednesday, March 23, 2011

Poemas a una Mujer: L’autunno, nella metafora del sogno

Poemas a una Mujer: L’autunno, nella metafora del sogno

MUJER DE AGUA

martes 22 de marzo de 2011
L’autunno, nella metafora del sogno

Prima che la terra toccasse la mia bocca
che mi desse un suono per il grido
che mordesse le mie labbre la parola
prima che la tessitura fragile del dolore
disegnasse un solco per lievitare la lacrima
e la luna abortasse un figlio bastardo
di tre re stupidi.
Molto prima che i miei genitori fossero figli
ed i miei figli fossero genitori
prima che lo specchio fosse fiaba
e l’autunno una metafora del sogno
prima che Apolo uccidesse Pitón
e Ares bagnasse di sangue l’universo.
Molto prima che Hefesto guidasse i cavalli del sole
e la fame e la guerra ammazzassero i nostri bambini.
Prima che Maria la violasse il santo spirito.
Prima che Eva fosse amante del suo figlio
e che Oedipus fosse amante di sua madre.
Molto, ma molto prima,
Tu ed I, prigionieri nelle radici del tempo
senza nascere, senza amare, senza ferire, senza sognare.
essendo appena piccoli minerali
frugando il germe della nulla
E adesso, donna, che i vostri occhi
si inclinano a baciare la terra,
che i tuoi denti si aprano per mordere la vita
che le mie mani si estendono per toccare il vostro bacio
che si congela il giudizio, che si fonde l’aria
che ti batte la pancia.
Ora, che siamo carne e tempo
nella battaglia armonica di due corpi
nella fusione illogica delle nostre anime,
adesso, solo adesso
lontano dal cielo e dal olimpo
arrampicati alle mure degli orologi umidi.
Lontano, molto lontano dal stupore e la innocenza.
Gemendo e sospirando, godendo e resistendo.
Altra volta guardando perché si muoiono i bambini.
Altra volta, lo specchio della fiaba
l’autunno, nella metafora del sogno.

-Autor: Walter Faila
Traducción: Hilda Roccia

Posted by FANNY JEM WONG

Autor: fannyjemwong

FANNY JEM WONG NACIDA EN LIMA PERÚ UN 29 DE JULIO DE 1964. Mag. Ps .EDUCACIONAL , DOCENTE UNIVERSITARIA Y POETA. "Hay un conjunto de sucesos, una región del espacio-tiempo, de la que no es posible escaparlo que se halla afirmado después a mí poco me importa. Tú encendiste la mecha" JEM MI POESÍA SOY YO

Responder

Por favor, inicia sesión con uno de estos métodos para publicar tu comentario:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s